Terremoto Italia: cause e prevenzione

Terremoto Italia: cause e prevenzione

Perché un terremoto proprio in Pianura Padana?

La superficie terrestre è in lento, ma costante movimento e i terremoti si verificano quando la tensione risultante accumulata da stress meccanici eccede la capacità o resistenza del materiale roccioso di sopportarla cioè supera il cosiddetto carico di rottura.

Questa condizione occorre molto spesso e in prevalenza ai confini delle placche tettoniche, al punto che la terra ha spessissimo terremoti, la grande maggioranza non avvertiti.

I confini tra una placca tettonica e l’altra sono infatti le aree tettonicamente attive, ossia dove le placche si muovono più o meno lentamente sfregando o cozzando le une rispetto alle altre.

il Nord e la Valpadana sono a rischio terremoti? Stando alle carte elaborate dal dipartimento della Protezione Civile la zona più a rischio è sicuramente il Friuli in particolar modo tra Prealpi carniche ed Alpi carniche ove il livello di pericolosità è massimo. Livello di pericolosità 2 per le alte pianure friulane, Prealpi bellunesi, Lessinia, alto Garda, Prealpi bresciane, Appennino emiliano-romagnolo e Romagna. La placca Padano-Adriatica (o Adria) quindi giustifica i sismi di questi giorni. La morfologia della Valpadana che permette alle onde di propagarsi più velocemente che in altre parti del Paese. Ne è la prova Milano che pur non avendo una locale sorgente di onde sismiche, risente dei terremoti più o meno distanti a causa di un meccanismo di amplificazione. Normalmente l’ intensità di un terremoto diminuisce di 2 gradi Mercalli ogni 40 km a partire dalla sorgente, ma nella Pianura Padana, a causa di questo meccanismo di propagazione più efficiente, ci vogliono circa 80 km per ottenere la stessa attenuazione.

Le cause

Riportiamo le riflessioni sulla responsabilità umana nell’aumentare la frequenza e l’intensità dei terremoti (v. prec articolo su questo blog, 21.3.2011 dal gravissimo sisma giapponese), a cui rimandiamo, rileggetelo. Ne richiamiamo una piccola sintesi:

La terra è un pianeta prevalentemente liquido e incandescente. Ha un Nucleo, che è la parte più interna, con un raggio di circa 3.450 km, costituito da leghe di ferro allo stato liquido o semiliquido a 3.000- 6.000 °C.
Assomiglia ad una palla piena d’acqua. la potete rappresentare insieme ai vostri figli con un piccolo gioco visivo: una scodella rotonda e dei pezzetti di polistirolo che galleggiano.

Che cos’è un terremoto e che corresponsabilità puo’ avere l’uomo
I terremoti sono definiti come movimenti rapidi della crosta terrestre dovuti alla propagazione di onde sismiche che vengono generate dall’improvvisa liberazione dell’energia meccanica accumulata nelle rocce.

Da alcuni anni sembra che l’attività sismica sia in aumento, sia in termini di frequenza degli eventi sismici, sia in termini di energia prodotta, sia in termini di localizzazione in luoghi non classicamente colpiti da questa calamità.

(altro…)

Idrocolonterapia

Idrocolonterapia

Che cos’è? E’ un trattamento di pulizia profonda del colon, già noto agli Egizi 3500 anni fa. Oggi si avvale di apparecchiature modernissime e sicure, ed è una pratica delicata e indolore. Oltre a curare il disturbi dell’apparato digerente e dell’intestino purifica l’intero organismo.
L’effetto diluente dell’acqua introdotta e la stimolazione che si viene a creare, mettono l’intestino in condizioni di pulirsi a fondo e riattivare le sue funzioni vitali. Inoltre, l’immissione di ossigeno attraverso l’acqua, fornisce un valido nutrimento alla flora batterica.
Il trattamento non provoca dolore né spasmi e viene ben accolta dal paziente. L’acqua entra ed esce attraverso un circuito chiuso prevenendo l’insorgere di spiacevoli manifestazioni, come cattivi odori. Lascia una sensazione di leggerezza e benessere.

A chi è consigliato? E’ una pratica igienica molto valida nel sostegno di qualunque terapia medica, indicata per la prevenzione e per la cura.
Nonostante l’evacuazione quotidiana, l’intestino non si libera mai completamente, vi sono comunque degli escrementi che ristagnano provocando il degrado della mucosa intestinale e l’alterazione della flora batterica, fenomeno conosciuto con il nome di disbiosi intestinale. Quando subentra la disbiosi i batteri salutari (tra cui Lactobacillus Acidophilus) diminuiscono e quelli nocivi (tra cui il Bacillus Coli) aumentano. Questo mutamento della flora intestinale rende impossibile la completa elaborazione dei materiali fecali generando fermentazioni e putrefazioni che, oltre a  intossicare tutto l’organismo, riducono notevolmente le difese immunitarie.
L’intimo collegamento tra il sistema di difesa organica e l’intestino è poco conosciuto. L’80% del sistema immunitario è localizzato sulle pareti dell’intestino e proprio qui, nelle Placche di Peyer si formano le immunoglobuline.
La mucosa dell’intestino è perciò assai importante per assicurare una buona difesa organica.
La maggior parte delle persone soffre di disbiosi per l’alimentazione sterilizzata e denaturata, l’inquinamento ambientale e l’abuso di farmaci.
I rifiuti accumulati, specialmente nelle curve e nelle anse uno stato di autointossicazione che grava primariamente sul fegato.
Che benefici genera?

L’intossicazione intestinale, diffondendosi nell’intero organismo, può manifestarsi nei sintomi più disparati, tra cui: stitichezza e coliti, allergie, acne, psoriasi, altre malattie della pelle, stanchezza, mancanza di concentrazione, infezioni croniche,  infiammazioni e poliartrite, (altro…)

Come vivere sani e longevi

“Come vivere sani 100 anni” (DVD e libro Macrovideo a cura del dr. Bianchi Roberto) è una priorità costituzionale che dovremmo imparare fin dalle scuole elementari, poichè il dono della salute ci permette di fare meglio ciò che desideriamo e per cui siamo più portati. In “la scienza ci guarirà” Luc Montaigner, premio Nobel per la Medicina 2008, afferma che diventare adulti e nonni sani ed efficienti ci permette di aiutare le giovani generazioni a conservare la memoria storica e ad insegnare loro il patrimonio che abbiamo anche noi ricevuto. Ma è importante poter giocare con loro, accompagnarli, prenderli in braccio, ecc.. essere insomma sufficientemente vitali, longevi e felici ad ogni età. Un semplice antiossidante (come la papaia, la vitamina C, la Boswellia, o la B17) una semplice tecnica di cura, un piccolo cambiamento di stile di vita possono rivoluzionare la salute nostra e dei nostri cari! Ecco perchè, a tutto spessore, Casasalute ha riassunto le conoscenze di Medicina, Igiene, Spiritualità e Benessere per darci queste informazioni antiche e recentissime, queste opportunità, la maggior parte delle quali si possono imparare ed eseguire anche a casa propria.
Abbiamo tutti il diritto di vivere sani fino a cent’anni. Scopritelo come!
Pubblicazione Settembre 2011: Nuovo DVD libro,”Come vivere sani fino a cent’anni, tecniche diagnostiche e salutistiche naturali” dr. Roberto Antonio Bianchi, Ed. Macrovideo

reperibile in libreria o in Casasalute clinica terapie naturali

SOMMARIO DEL DVD
1 OBIETTIVI DELLA MEDICINA
1.1 La giovinezza biologica
1.2 Come vivere sani, longevi, felici
2 STILI DI VITA
2.1 La Postura e l’Atteggiamento
2.2 La respirazione
2.3 Il Movimento
2.4 L’Alimentazione
2.5 Igiene e prevenzione
3 TECNICHE DIAGNOSTICHE
3.1 Tecniche convenzionali (e.c.g. da sforzo, ecografia addome, ematici, pressione art.)
3.2 Tecniche olistiche e predittive (Polsi, Fisiognomica, Iridoscopia, Hemoli test, Esame a fresco del Sangue Vivente, Test Costituzionale)
4 TECNICHE SALUTISTICHE E TERAPEUTICHE
4.1 Tecniche terapeutiche (Idroterapia Bagni Vapore, Fitoterapia, Idrocoloterapia, Apiterapia, Emoterapia autologa Rigenerativa Staminale, Ossigenoterapia, Chirurgia Manuale)
5 LA MENTE
5.1 L’importanza della mente

SOMMARIO DEL LIBRO
LE 5 PREVENZIONI PER MANTENERCI SANI
1 LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE
2 LA PREVEZIONE ANTIINFETTIVA
3 LA PREVENZIONE DELL’ACIDOSI, INVECCHIAMENTO E SINDROME METABOLICA
4 LA PREVENZIONE ANTITUMORALE
5 LA PREVENZIONE DELL’ EQUILIBRIO COSTITUZIONALE

Affrontiamo il freddo inverno: Prevenzione e benessere con le cure naturali

Affrontiamo il freddo inverno: Prevenzione e benessere con le cure naturali

Le temperature scendono rapidamente per congiunzioni astronomiche e solari dopo il 12 novembre. I contadini ripongono le vanghe, lasciano i campi e sopraggiunge il lungo inverno padano…

Premuniamoci subito con la vitamina C ai primi freddi, almeno 1000-2000 mg al dì, meglio se naturale.

Sopra il grammo l’acido ascorbico puro per bocca potrebbe favorire in qualche caso diarrea, ma se è estratto da rosa canina (il frutto più ricco al mondo di vitamina C 2200 mg per etto, mentre l’arancia ne ha massimo 50!) proteggono i suoi bioflavonoidi e si può assumere a dosaggi maggiori senza problemi. La vitamina C è utilissima, oltre che per la protezione da influenze e raffreddori, anche del cuore, dai tumori e per il potenziamento del sistema immunitario. In clinica la usiamo in endovena per i malati di cancro e quello con indebolimenti del sistema immune, ma con dosaggi molto più alti (15.000 mg)

E’ innocua,  dicono le ricerche scientifiche e protettiva, ma non c’è solo quella. Utilissimi tutti i cibi farmaco, come aglio e cipolla, potenti mucolitici. Bollite due cipolle tagliate in 4 parti, poi frullate o schiacciate con una forchetta e ribollite per 10′ ( a finestre aperte: si libera il solfuro di allile, zolfo molto odoroso!). E’ pronto un latte bianco di cipolla per insaporire minestre, sughi, primi piatti ecc., mettetelo dove volete, è inodore. Con 3-5 cucchiai di miele diventa una bibita adatta anche ai bimbi e curativa, ad azione sia antibiotica che mucolitica sia per cura e prevenzione invernale.

Utili anche zenzero, peperoncino, rape e rapanelli, cavoli, broccoli e cavolini di bruxelles, rucola e porri, tutti cibi mucolitici eccellenti da usare in cucina in grandi e piccole dosi. Mamme sbizzarritevi!

La terapia invernale per eccellenza che più adoro è il bagno di vapore o di sudore Lezaeta. Immersi in una cabina di vapore fluente si viene letteralmente disinfettati da vapore, il più eccellente battericida. Preciso che il calore umido (autoclave) è molto più penetrante del calore secco (Stufa Pasteur) anche per la sterilizzazione dei ferri chirurgici e distrugge persino le spore già a 125°C. Quindi il bagno di vapore, che prevede 3-7 alternanze caldo fresche, aiuta a scioglere i catarri sia della mucosa bronchiale che di tutti gli anfratti del corpo umano (tonsille, tube uditive, e orecchio medio,  seni paranasali, occhi e congiuntive, ascelle, pori cutanei, unghie mani e piedi, vagina e perineo). Il bagno vapore Lezaeta è immunostimolante, attiva la circolazione periferica, smobilita gli sfinteri pre-capillari, spesso ipoattivi negli anziani e nei sedentari. Rinnova il metabolismo di grassi e zuccheri, depura la pelle scoperchiando i pori cutanei intasati di sebo, polvere e metalli pesanti. toglie odore a piedi ed ascelle, disinfettandole e modificando la flora uccidendo i patogeni.

Da tono al cuore e alle ghiandole endocrine, queste sconosciute nel  loro concerto fisiologico anche dalla scienza medica. Le ricerche attuali sull’epifisi (la ghiandola dell’intuizione, detta anche anticancro) scoprono sempre cose nuove e quasi nulla si sa sulle interazioni fra queste potenti ghiandole che secernono gli ormoni, fini regolatori del metabolismo e della crescita. E’ noto che il bagno di vapore attiva le diverse ghaindole endocrine, soprattutto T3, T4, TSH, ormone dell’accrescimento, adrenalina e cortisolo, l’ormone dello stress cronico. E proprio sullo stress lavora questa fantastica terapia di vapore, perchè rilassa i muscoli (detende i suoi fusi dell’attenzione, della veglia e dell’allarme), i legamenti, i visceri e i nervi. La pace che si prova dopo un bagno di vapore Lezaeta è particolare, senti il respiro che si dilata spontaneamente, la mente rilassata, una nuova luminosità del pensiero e della visione. Nascono nuovi progetti (il pensatorium degli antichi romani, che nei pomeriggi dopo il lavoro prendevano le decisioni strategiche nelle terme tra i vapori fluenti!) la mente si rinnova.

In clinica dopo il bagno di vapore vieni avvolto in panni di cotone e lana con una compressa di achillea, melissa o rosmarino sul fegato e fai reazione a letto per una mezz’oretta.

Depurativo al massimo: pensate che gli ex fumatori dopo oltre 10 anni dall’interruzione emanano ancora, subito dopo il bagno di vapore dagli alveoli polmonari e dai macrofagi, odore di fumo, catrame e benzopirene!!!

Questa è la terapia che dovrebbe essere presentata come prima in ogni ospedale, di ogni ricovero o intervento chirurgico! Sarebbe geniale e risparmierebbe miglioni di euro di spese sanitarie!!!

Di fatto noi a Casasalute la facciamo quasi sempre come prima terapia in clinica e per moltissime malattie anche gravi. Nella nostra casistica abbiamo ottenuto risposte significative in ipertensione, allergie respiratorie e non, bronchiti croniche e polmoniti, cistiti, dermatiti e dermatosi, ictus, tossicosi da fumo, inquinanti ambientali e lavorativi (polveri, solventi, ecc.), infezioni cutanee e sistemiche, piaghe e disturbi vascolari, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, malattie neurologiche come la sclerosi a placche e le polinevriti, tossicosi.

Ma l’indicazione maggiore è proprio la cura e prevenzione delle sindromi influenzali, della malattie respiratorie e reumatiche. Vedi sotto anche l’articolo consigli per finire il lungo inverno.

Ho introdotto in Italia i bagni di vapore per i bambini con risultati eccellenti in bronchiti, asma, otiti e deficit immunitari. Le mamme e tante famiglie d’ Italia lo adorano quanto me.

Ricordatevi: prevenire è meglio che curare! Delle reumatiche parleremo nei prossimi giorni.

a cura del Dr. Roberto Antonio Bianchi, direttore sanitario Casasalute