I piedi rifioriscono

Con l’arrivo della stagione estiva anche i piedi reclamano cure e attenzioni. Ecco alcuni consigli utili

Con l´arrivo della stagione estiva anche i piedi reclamano cure e attenzioni. Dopo averli “soffocati” per tutto l´inverno in calze e scarpe chiuse è ora giunto il momento di prenderceli a cuore perché, è bene non dimenticarlo, i piedi rappresentano la base su cui poggia l´intero organismo. Spesso non basta farli respirare indossando sandali e ciabatte. Per rigenerarli servono cure naturali ad hoc che qui di seguito verranno illustrate.

Piedi gonfi? Pesanti? Sofferenti? Utilissime le applicazioni idroterapiche agli arti inferiori messe a punto da padre Sebastian Kenipp e basate sull´alternanza tra acqua fredda e calda. Grazie a tale alternanza si determinano salutari fenomeni di vasocostrizione e vasodilatazione che permettono di combattere con buoni risultati varici, crampi e gonfiori alle gambe. Per il pediluvio alterno caldo-freddo servono due recipienti, l´uno riempito d´acqua calda (cui potete aggiungere sali od olii da bagno alle erbe) e l´altro d´acqua fredda. Immergete prima i piedi (fino al polpaccio) nell´acqua calda per 3 minuti e poi per 1 minuto nell´acqua fredda. Il trattamento va ripetuto due o tre volte.

Come ginnastica circolatoria è molto utile inoltre la frizione fredda che si applica all´intero corpo e non solo agli arti inferiori. Con la frizione si agisce sugli sfinteri vascolari precapillari, riattivandoli e mantenendoli dinamici. Passando infatti un panno freddo sul corpo si crea una vasocostrizione cutanea con il successivo arrossamento (iperemia attiva) della parte che viene frizionata. In questo modo si sollecita il circolo sanguigno delle vene, dei capillari e delle arteriole.

Un aiuto alla rigenerazione dei nostri piedi ci viene anche dalla fitoterapia e in particolare dall´ AMAMELIDE.

 

Botanica

L´amamelide è un alberello originario delle coste occidentali dell´America del Nord appartenete alla famiglia delle Hamamelidaceae. Fiorisce da gennaio ad aprile con fiori gialli.

 

Principi attivi

Tannini Flavonoidi Olio essenziale

Proprietà curative

Vasocostrittrice, antinfiammatoria e astringente. L´amamelide migliorare l´elasticità delle vene, rendendole più toniche, previene le emorragie capillari e impedisce l´insorgenza di gonfiori alle caviglie. È indicata per l´insufficienza venosa (varici, flebiti, varicocele), per i disturbi circolatori della menopausa e per le emorroidi.

 

Modalità d’assunzione

Per uso esterno è ottima l´emulsione di amamelide, da applicare sui piedi e sulle gambe. Va massaggiata dal basso verso l´alto delicatamente. Per uso interno si può assumere il decotto preparato con 4 cucchiaini di foglie in mezzo litro d´acqua o la tintura madre (30 gocce due volte al dì).

Per massaggi e frizioni ai piedi potete anche utilizzare una buona crema idratante arricchita con cinque gocce di olio essenziale di menta, di achillea o di camomilla precedentemente diluiti con olio di mandorle o di germe di grano.